Campionato Europeo di Calcio UEFA 2022

0
144

Il Campionato Europeo di Calcio 2020, ufficialmente UEFA Euro 2020 – 16. edizione del Campionato Europeo di Calcio Maschile. Il torneo è iniziato l’11 giugno e si è svolto fino all’11 luglio 2021 in 11 città ospitanti e 10 paesi.

Inizialmente, il torneo era programmato dal 12 giugno 2020 al 12 luglio 2020, in 12 città ospitanti e 11 paesi, tuttavia, il 17 marzo 2020, la UEFA ha deciso di spostare l’evento al 2021 a causa della pandemia di COVID-19, e il 23 aprile 2020, ha annunciato il mantenimento dell’attuale nome del campionato. Il 23 aprile 2021, il torneo era limitato a 11 città ospitanti in 10 paesi. Irlanda e Dublino hanno perso lo status di organizzatore del campionato, mentre in Spagna il Siviglia ha sostituito il già segnalato Bilbao.

Il Portogallo ha difeso il titolo, ma è stato eliminato negli 1/8 di finale dal Belgio. Per la prima volta durante il torneo è stato utilizzato il sistema di video verifica VAR. Inoltre, a seguito delle modifiche introdotte nel 2020 dall’IFAB su richiesta delle Federazioni calcistiche FIFA e UEFA durante le partite ufficiali delle nazionali, ciascuna squadra potrebbe effettuare:

  • cinque cambi di giocatori durante la partita,
  • entro un massimo di tre pause programmate per ciascuno di essi.
  • Questo è il primo torneo internazionale in assoluto con tali regole.

Nella finale dell’11 luglio 2021 a Wembley, l’Italia ha sconfitto l’Inghilterra 3-2 ai calci di rigore dopo un pareggio per 1-1. Era il secondo titolo del paese.

Campionato Europeo di Calcio UEFA 2020

Procedura per la selezione delle città ospitanti

Il 25 gennaio 2013, il Comitato Esecutivo UEFA ha deciso di organizzare Euro 2020 in 12 città in 12 diversi paesi ospitanti. Le domande sono state accolte da aprile a settembre 2013. Nel settembre 2014 sono state selezionate le ultime host del campionato. Tutte le squadre membri della UEFA, compresi i padroni di casa della fase finale, prenderanno parte al turno di qualificazione a Euro. La Polonia ha rinunciato all’organizzazione del torneo.

Infine, il campionato sarà organizzato in 11 città in 11 paesi.

Il 23 aprile 2021, la UEFA ha deciso di trasferire:

  • 4 partite:da Bilbao al Siviglia
  • e 4 partite da Dublino: 3 a San Pietroburgo (partite del girone)
  • e 1 a Londra (partita 1/8 di finale).

Impatto della pandemia di COVID-19 sull’organizzazione

L’inizio della pandemia e il campionato rinviato al 2021

All’inizio del 2020, la pandemia di COVID-19 in Europa ha sollevato preoccupazioni circa il suo potenziale impatto su giocatori, staff e tifosi che arrivano alle partite nelle dodici città ospitanti del torneo. Al Congresso UEFA all’inizio di marzo, lo sloveno UEFA Alexander Čeferin ha annunciato che l’organizzazione era convinta che la situazione potesse essere risolta, mentre il segretario generale Theodore Theodoridis ha dichiarato che la UEFA è in contatto con l’Organizzazione Mondiale della Sanità e i governi nazionali sul coronavirus. Entro il 13 marzo 2022, le prossime partite delle competizioni UEFA sono state posticipate e i principali campionati europei, tra cui Bundesliga, La Liga, Ligue 1, Premier League e Serie A, sono stati sospesi.

  • Il 17 marzo, la UEFA ha organizzato una videoconferenza con:
  • i rappresentanti di 55 federazioni affiliate,
  • un rappresentante della FIFPro
  • e dei consigli di amministrazione della European Clubs Association e dell’EPFL

per discutere l’impatto del COVID-19 sul corso delle competizioni nazionali ed europee, incluso Euro 2020. All’incontro, la UEFA ha annunciato che il torneo sarebbe stato posticipato ad un altro anno, proponendo che si tenesse dall’11 giugno all’11 luglio 2021. Il giorno successivo, l’Ufficio del Consiglio FIFA ha approvato un cambio di data nel calendario delle partite internazionali FIFA.

Il 23 aprile 2020, la UEFA ha confermato che UEFA Euro 2022 rimarrà il nome ufficiale del torneo.

Luogo delle semifinali e finali

e delle città ospitanti

L’organizzazione delle semifinali e della finale da parte dello stadio di Wembley è stata minacciata dalle restrizioni di quarantena del Regno Unito a cui saranno soggetti i tifosi. La Puskás Aréna di Budapest è stata identificata come sede alternativa in quanto l’Ungheria non avrebbe restrizioni all’ingresso per i viaggi all’interno dell’area Schengen e potrebbe ospitare le partite a pieno regime. Un portavoce della Federcalcio ungherese ha affermato che l’Ungheria è “pronta ad ospitare qualsiasi evento calcistico di alto livello”. La UEFA ha annunciato, tuttavia, che Wembley potrebbe ospitare la finale poiché l’organizzazione e il governo del Regno Unito hanno discusso delle esenzioni dalla quarantena ma non hanno escluso il trasferimento dell’organizzazione. Il 22 giugno 2021, il Primo Ministro italiano Mario Draghi ha dichiarato che la finale dovrebbe svolgersi a Roma a causa del numero crescente di casi di COVID-19 nel Regno Unito. La settimana successiva è stato annunciato che funzionari e dirigenti in viaggio per le partite non avrebbero dovuto isolarsi, sebbene sarebbero stati soggetti a restrizioni e avrebbero dovuto rimanere nelle “bolle del calcio”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui