Christian Eriksen ha raccontato i momenti di terrore di Euro 2020. “Sono morto cinque minuti”

0
131

Christian Eriksen è fuori dai giochi da sei mesi. Tutto a causa di un infarto, a cui è sopravvissuto nella prima partita del girone della Danimarca per Euro 2020. Ora il 29enne ha accettato di parlare di quegli eventi, e allo stesso tempo ha rivelato i suoi piani per il futuro.

Christian Eriksen ha raccontato i momenti di terrore di Euro 2020. "Sono morto cinque minuti"
  • Christian Eriksen ha rilasciato la sua prima intervista dopo un infarto a Euro 2020
  • Il calciatore ha rivelato cosa ha provato nei primi momenti in cui ha ripreso conoscenza
  • Il danese spera di tornare al calcio professionistico il prima possibile

Eriksen ha rotto il silenzio e intende tornare al calcio professionistico

Gli eventi della fine del primo tempo della partita tra Danimarca e Finlandia hanno tolto il fiato a tutti gli appassionati di calcio. Poi Christian Eriksen è crollato a terra. Il calciatore non ha reagito, quindi i servizi medici sono entrati rapidamente in azione. Ad un certo punto, il caos ha cominciato a regnare al Parken Stadium.

Non era certo se il 29enne fosse vivo. Un’operazione di salvataggio durata diversi minuti ha ripristinato le funzioni vitali del centrocampista, che purtroppo ha dovuto lasciare il ritiro del personale. Tutto a causa della diagnosi dei medici di Copenaghen. Si è scoperto che Eriksen ha avuto un infarto e deve avere un pacemaker per il prossimo futuro.

Affidato alle cure dei suoi parenti e dei suoi medici, è tornato lentamente in sé stesso. Ad un certo punto, ha fatto visita ai suoi colleghi dell’Inter. Tuttavia, non poteva giocare con un pacemaker in Italia, quindi stava tornando a formarsi nel suo paese. Inaspettatamente, ha accettato un’intervista alla televisione danese, dove ha rivelato i suoi sentimenti dopo lo sfortunato evento del campionato europeo.

Eriksen ha rotto il silenzio e intende tornare al calcio professionistico
  • È stato fantastico quando molte persone hanno sentito il bisogno di scrivermi un messaggio. In ospedale ho ricevuto dei fiori, il che era strano, perché non me lo aspettavo, sono morta per cinque minuti. Era abbastanza strano, ma significava anche molto per me. La gente continua a scrivermi. Ho ringraziato i medici, i miei compagni di squadra e i tifosi che mi hanno incontrato per strada. Ho ricevuto voti di supporto da tutto il mondo – ha confessato il calciatore.

La finestra di trasferimento invernale è attualmente aperta. Christian Eriksen è già stato legato a diversi club e al ritorno Ajax Amsterdam. Lo stesso interessato non ha rivelato dove avrebbe continuato la sua carriera, ma il suo sogno più grande è quello di partecipare alla prossima Coppa del Mondo.

  • Il mio obiettivo è giocare ai Mondiali in Qatar. Io voglio giocare. Questo è il mio atteggiamento. Questo è un traguardo, un sogno, ma non si sa se sarò chiamato. Ma voglio tornare indietro. Non mi sento diverso, fisicamente sono nella mia forma migliore. Voglio continuare a giocare a calcio e tornare ai massimi livelli. La nazionale è la più importante. Voglio giocare ai Mondiali e poi esibirmi al Parken Stadium, dimostrando che non accadrà mai più. Voglio dimostrare che non penso più a quello che è successo. Gli allenatori giudicheranno il mio potenziale, ma il cuore non è un problema – ha detto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui